venerdì 21 settembre 2012

Baidarka (Iqyax) l'enigma della prua bifida



Ogni volta che esco con i miei baidarka (Iqyax) ,dai bagnanti,dalla gente di mare dai pescatori dai kayakers,mi viene rivolta sempre la stessa domanda.

Ognuno per motivi diversi è incuriosito dalla prua di questo antico e affascinante kayak.

La domanda è sempre la stessa: quale è la funzione di questo prua bifida?

Probabilmente James Cook nel giugno del 1778 si pose lo stesso quesito quando vide per la prima volta un baidarka, John Webber artista di bordo

della nave di Cook lo rappresentò subito con un disegno, il quale rappresentava un cacciatore aleut vestito con il chigidax,una sorta di impermeabile, e un cappello di legno decorato con baffi di leone marino.

Questo disegno è ancora esistente e si trova al Museo dell'Uomo.J Oster,dall'immagine,si nota benissimo l'inserto (legno o tendine ) che chiudeva la prua bifida


Dalla letteratura esistente si sa per certo che la prua bifida del baidarka per gli aleutini rappresentava la lontra di mare, nei popoli arcaici la simbologia come i disegni e i colori erano parte integrante della loro cultura .

La caccia in mare aperto,nello stretto di Bering considerato uno dei più ostili del pianeta era la forma di caccia più pericolosa ed impegnativa praticata da un essere umano, ogni centimetro dello scafo, questo è un mio pensiero, è stato progettato e sviluppato per essere usato al meglio in quel contesto ambientale,ne è la prova, che nel corso dei millenni il baidarka ha subito poche modifiche se non dimensionali e di dettaglio, poco centrano le credenze rappresentative e mitologiche,il popolo aleutino,ha saputo progettare seppur con tecniche empiriche,uno scafo che si identifica come un condensato di estrema e sofisticata tecnologia nautica.



 
La prua bifida è l’emblema che più rappresenta il baidarka , ad oggi però, appassionati, costruttori, ingegneri, matematici, continua a sfuggire la certezza progettuale di questa prua così particolare.

 
esempio di prua bifida ricurva

Secondo l’ingegner Dyson, colui che più d’ogni altri ha studiato il baidarka o come Laughlin, o Nike Tanape ,sostiene che l’arco bifido è stata un’idea geniale quanto un intuitivo progetto vincente.

I due componenti dell’arco che formano una T avevano due distinte funzioni divergenti,la parte inferiore per tagliare l’acqua come un coltello, come anche aprire l’onda frangente,mentre la parte superiore che presentava una superficie piatta e smussata all’apice,simile ad uno sci d’acqua,sia per l’aspetto che per l’effetto,che aveva la funzione di stabilizzare lo scafo,ma soprattutto rendere l’imbarcazione più manovrabile in condizioni di mare agitato.

La struttura dell’arco bifido faceva parte a se è veniva aggiunta allo scafo mediante incastri e legature, la parte inferiore si consolidava alla linea di chiglia, invece la parte superiore ( il piatto )si appoggiava sulla struttura portante dello scafo ( longheroni ) .





Il punto chiave per ultimo era il rivestimento, Dyson sostiene che gli aleutini erano a conoscenza molto prima di noi dell’utilità di forma,la copertura della pelle nel rivestire la chiglia creava una forma concava certamente voluta per aumentare velocità e la tenuta in mare,i progettisti di yacht come i designer degli scafi di idrovolanti attualmente usano,la stessa forma concava per gli stessi motivi,questo è semplicemente sorprendente.




Prua ricurva chiusa,nell'immagine si nota che il rivestimento  crea una concavità intorno all'arco bifido,migliorando l'avanzamento e la tenuta in mare




Nel 2000 Nike Tanape, presso il centro Native Heritage Alaska, costruì dei baidarka insieme Sr. di Nanwalek, Alaska e Gregor Welpton di Juneau
 .

Il baidarka costruito da Nike Tanape

La sua testimonianza:

La prua bifida funziona sicuramente è un grande aiuto quando si è fuori con acqua molto agitata; non so di chi sia stata l’idea,sicuramente una persona molto intelligente .

I baidarka hanno viaggiato nell’arcipelago in condizioni di mare proibitivo, io ero in una barca di grosse dimensioni, ma non poteva navigare, i baidarka dopo aver navigato sono sbarcati su una spiaggia di rocce senza alcun problema.

Qualsiasi altra imbarcazione sarebbe solo potuta affondare.

Da parte mia penso che l’arco bifido è anche espressione di velocità,in sintesi una chiglia riportata che conseguentemente produce maggiore lunghezza al galleggiamento portandolo ad essere veloce rispetto ad altre imbarcazioni di pari dimensioni .





 
Poiché la costruzione di questi kayak era in gran parte trasmessa per via orale, ci sono molte domande purtroppo senza risposte che sono state sollevate dai studiosi contemporanei, canoisti e Aleuti.

Perché i baidarka prima della colonizzazione erano più veloci?



La prua bifida a forchetta è stata usata nei baidarka (Iqyax) prima dell'insediamento russo furono i baidarka in assoluto più veloci.


La cosa che possiamo dire con certezza che i Baidarka prima dell’insediamento russo venivano costruiti essenzialmente con gli archi dritti detti a forchetta questo permetteva di avere una lunghezza al galleggiamento maggiore rispetto ai baidarka con arco ricurvo e quindi esprimevano velocità maggiori,il perché i russi fecero fare queste modifiche curvando gli archi non ci è dato a sapere.


La prua bifida veniva inserita separatamente al resto dell'imbarcazione

Probabilmente la causa di questo cambiamento,furono le alghe che in alcuni periodi dell’anno,erano presenti in grosse quantità lungo le coste,provocando non pochi problemi di navigazione ai baidarka con la prua a forchetta .




In realtà gli aleutini con i baidarka con le prue a forchetta inserivano nei casi di necessità una stanghetta di legno,o di tendine di leone marino chiudendo l’apertura della stessa,nel disegno realizzato da John Webber si vede chiaramente la posizione della stanghetta di legno che chiude l’apertura del bifido.

Ancora oggi sulla prua bifida aleggiano misteri, non tutti gli enigmi sono stati chiariti ,l’unica certezza consolidata e condivisa da appassionati e studiosi è che questa appendice dal sapore mitologico funziona veramente.

















5 commenti:

  1. Stupendo, letto tutto d'un fiato!
    Grazie Piero per l'approfondimento sulla prua del Baidarka.

    RispondiElimina
  2. M e lo sono letto sorseggiando il caffè...un ottimo modo di iniziare la giornata!!
    Grazie, Piero, per la passione che trasmetti
    Giovanni Giannò

    RispondiElimina
  3. sempre più appassionante, grazie
    Marco

    RispondiElimina
  4. La storia ,unita alle intuizioni costruttive,alle foto pubblicate, fanno dei tuoi articoli una enciclopedia da cui attingere assolutamente. Complimenti come al solito!! Ti rimprovero solo di non essere usciti insieme per una bella pagaiata che adesso ci spetta di diritto. Un caloroso abbraccio Gianni

    RispondiElimina